Volontario in Servizio Civile

Cos’è?

Il Servizio Civile Nazionale è nato inizialmente per obiettori di coscienza in alternativa al servizio di leva Militare obbligatorio. Dal 2005 ad oggi, con la fine del servizio obbligatorio di leva, è rivolta ai giovani di entrambi i sessi ed esclusivamente tramite adesione volontaria.

Servizio Civile Nazionale o Servizio Civile Regionale?

Si tratta di due percorsi differenti e tra loro alternativi. Cambiano durata, impegno e requisiti. Chi ha già svolto il Servizio civile nazionale può svolgere in seguito anche quello regionale. Svolgere entrambi contemporaneamente non è formalmente vietato, ma nei fatti è impossibile per la sovrapposizione degli impegni orari.

Durata dell’esperienza  e impegno previsto.

I progetti di Servizio civile nazionale durano 12 mesi. L’impegno settimanale richiesto è di 30 ore a settimana suddivise in 6 giorni (1.400 ore l’anno circa). Al volontario spetta un compenso mensile di 433,80 euro.

A chi si è rivolto?
Giovani tra 18 e 28 anni, con cittadinanza italiana (Servizio civile nazionale) o con cittadinanza comunitaria e residenza/domicilio in Toscana (Servizio civile regionale).

Possono partecipare alla selezione i Giovani, senza distinzione di sesso, in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadini dell’Unione Europea
  • familiari dei cittadini dell’Unione europea non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
  • titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • titolari di permesso di soggiorno di asilo;
  • titolari di permesso per protezione sussidiaria
  • non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata;

Chi non può presentare domanda

I Giovani che :

  • già prestano o abbiano prestato Servizio Civile in qualità di Volontari ai sensi della legge n. 64 del 2001, ovvero che abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista;
  • abbiano in corso con l’Ente che realizza il Progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualsiasi titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente, di durata superiore a tre mesi;
  • siano appartenenti ai Corpi Militari o alle Forze di Polizia;

Le selezioni
La domanda va presentata direttamente alla Misericordia entro la data indicata nel bando. Vanno utilizzati i moduli richiesti nel bando (domanda di ammissione e dichiarazione dei requisiti), assieme ad un curriculum vitae e alla fotocopia di un documento di identità. Vanno inoltre allegati eventuali titoli di studio o altra documentazione utile ai fini della valutazione. Attenzione: la domanda deve pervenire entro la scadenza. Non fa fede il timbro postale.
In genere, dopo l’esame delle domande e dei curriculum, i candidati sono convocati per i colloqui di selezione, in cui vengono approfonditi non solo le esperienze e le conoscenze, ma la motivazione e l’attitudine al progetto.
Chi non si presenta al colloquio di selezione è automaticamente escluso dal progetto.

Dopo le selezioni
Al termine dei colloqui, la Misericordia pubblica la graduatoria con i nominativi dei candidati, sia selezionati che non selezionati. In caso di ritiro, la Misericordia contatterà i candidati idonei, ma non selezionati, scorrendo la graduatoria. In altre parole, se la Misericordia ha una disponibilità di 5 posti, selezionerà i primi 5 candidati in graduatoria. In caso di ritiro, contatterà per un subentro il candidato arrivato sesto in graduatoria.
Se selezionati, i volontari dovranno infine presentare un certificato medico attestante il possesso dell’idoneità fisica allo svolgimento del Servizio Civile.

Idonei non selezionati
Chi non passa le selezioni, può comunque ripresentare domanda per i bandi successivi, se in possesso dei requisiti richiesti (ad es. l’età). Potrà anche subentare in caso di ritiri.

Ritiro
E’ possibile ritirarsi prima dei 12 mesi di Servizio civile. In questo caso, però, si perde il riconoscimento dell’esperienza e la possibilità di ripresentare domanda. Il compenso mensile sarà erogato per i mesi effettivamente svolti.

Permessi, ferie e malattie
Ai volontari nazionali spettano 20 giorni di permesso retribuito e 15 giorni di malattia (con presentazione di certificato medico). Oltre i 15 giorni, è possibile astenersi per altri 15 giorni di malattia, non retribuiti. Oltre i 30 giorni di malattia si è esclusi dal progetto.
Nel Servizio civile regionale i giorni di permesso e di malattia variano in base al monte ore settimanale. In tutti i casi è possibile assentarsi per brevi permessi, recuperando le ore perse nel corso della settimana. Inoltre sono previsti permessi extra per donazioni di sangue e consultazioni elettorali. E’ tutelata la maternità. Spettano inoltre eventuali permessi, ad es. per lutto familiare.

APPROVATO IL BANDO PER L’ANNO 2017

SOLO 4 POSTI DISPONIBILI

SCADENZA ORE 14 DEL 26 GIUGNO 2016

 

SCARICATI I DOCUMENTI NECESSARI

 Sintesi condizioni di ammissione SCN 2017

PROG_MISERICORDIE DELLA VERSILIA PER IL NUOVO SOCCORSO SANITARIO

Bando Nazionale Volontari 2017

Allegato 2 Domanda di ammissione

Allegato 3 Dichiarazione Titoli

 

 

 

Se sei interessato/a a svolgere servizio presso la nostra Misericordia, compila il form e ti avviseremo del prossimo bando

CompilaILForm